alberi in dicembre
Il quaderno del giardiniere

Dicembre tra gli alberi

Condividi la bellezza dei fiori

Dicembre scrive, con ogni suo giorno, pagine intere di poesia sulla natura, e sugli alberi in particolare, e ce le fa leggere e scrivere insieme a lui, orgoglioso di un compito tanto importante.

Gli alberi e gli arbusti decidui hanno perso le foglie. I loro rami, si dice solitamente, sono messi a nudo dalla stagione, ma io non lo penso perché sono spogli, privi di foglie, ma perché quel loro scoprirsi ha tanto (riflessioni, sentimenti, emozioni, pensieri…) da suggerire e da raccontare al cuore. Wang Ya-Ping, poetessa cinese, scrive in un suo componimento:

Un albero secco
fuori dalla mia finestra
solitario
leva nel cielo freddo
i suoi rami bruni.

Il vento rabbioso, la neve e il gelo
non possono ferirlo.

Ogni giorno quell’albero
mi dà pensieri di gioia,
da quei rami secchi
indovino il verde a venire.

Ed è così: con l’arrivo dell’inverno gli alberi si scoprono e quello scoprirsi non è un annichilimento né è motivo di tristezza, anzi, è un motivo per essere contenti.

Tutti gli alberi che ci circondano o che incontriamo quando usciamo ci offrono due grandi doni: il loro essere (e stare) e l’occasione per cogliere questo loro essere con uno sguardo e un’attenzione nuovi.

Gli alberi sono tesori di saggezza e forieri di grandi emozioni. Rappresentano, da sempre, simboli importanti: della vita, dell’equilibrio, della stabilità e della resistenza, dello scorrere del tempo. Sono fonte di conoscenza, perché ciascuno racchiude una storia e la memoria di un passato tutto da svelare, di cui, se vogliamo, andare alla ricerca e di cui vediamo i segni nella sua corteccia e nella sua maestosità. Ma gli alberi sono soprattutto fonti di bellezza inesauribile e di ispirazione. Hanno il potere di risvegliare in noi emozioni profonde e intense e di suscitare nobili riflessioni. Non per nulla, gli alberi hanno assunto, nei secoli, un valore culturale enorme: hanno ispirato poeti, scrittori, artisti, che ne hanno compreso le virtù e i profondi significati che celano.

Così, in questo mese di dicembre, guardo gli alberi spogli e mi lascio cullare dai pensieri e dai sentimenti che mi suscitano, con dolcezza e gratitudine.


Nota al post: la poesia di Wang Ya-Ping è tratta da Poesia cinese moderna, traduzione di Renata Pisu, Editori riuniti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter

Vuoi iscriverti alla newsletter per ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi? Compila il form! Grazie :-)