Il quaderno del giardiniere

Il senso più profondo della primavera

Condividi la bellezza dei fiori

Questo mese, ho messo a dimora i bulbi a fioritura estiva, i bulbi primaverili. Mi fa sorridere la distinzione tra bulbi autunnali e primaverili, perché spesso crea molta confusione. Invece, è semplice: i primi, i bulbi autunnali, vengono interrati in autunno e fioriscono in primavera, i secondi, i bulbi primaverili, vengono interrati ora e sbocciano in estate. Ci sono bulbi anche a fioritura autunnale: si piantano a luglio. Ma non li si può chiamare bulbi estivi, perché anche così sono chiamati i bulbi primaverili. Spesso i vari tipi vengono perciò scambiati tra loro, in realtà il criterio è semplice: basta guardare al periodo della semina, sapere quando piantarli, per distinguerli.

Questa riflessione sui bulbi mi ha fatto pensare a come marzo sia, per eccellenza, il mese della semina, della fiducia. Tutto quello che nasce dalle sue semine crescerà sano e rigoglioso. A volte, come quest’anno, se è ancora troppo freddo, si procrastinano le operazioni più in là, concentrandole nelle prime due decadi di aprile e accade lo stesso: tutto ciò che viene seminato in aprile cresce robusto e vigoroso.

Credo sia questo il senso più profondo della primavera.

Campi in primavera

2 commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter

Vuoi iscriverti alla newsletter per ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi? Compila il form! Grazie :-)